Il Bracciatello!!

Meglio tardi che mai, ma sono qua per presentarvi sua maestà ^_^ il bracciatello!

Tipico della cucina romagnola, il bracciatello (brazadèl in dialetto) è un prodotto da forno che viene preparato tradizionalmente per Pasqua. A base di uova e farina, il bracciatello ha una forma a ciambella e una consistenza solida e filamentosa. Esso viene prima fatto cuocere in acqua bollente, pennellato con albume e passato in forno. Ottimo da solo, ideale per accompagnare salumi vari. In alcune zone è tradizione farlo benedire la sera della vigilia di Pasqua per poi gustarlo il giorno dopo.

La preparazione, come vi dicevo, è a base di uova e farina, quindi molto semplice.

Le dosi che vi lascio bastano per 4/5 bracciatelli.

Ingredienti:

farina 00, 1 kg

6 uova

un albume per pennellare

una presa di sale

acqua tiepida se necessaria

Preparazione: disporre la farina a fontana su un piano da lavoro, rompere le uova al centro di essa, unirvi il sale e con una forchetta cominciare a sbatterle, amalgamandovi pian piano la farina. Cominciate ad impastare e , se necessario, unite poca acqua tiepida. Otterrete un impasto simile a quello per fare la pasta all’uovo. Copritelo con un panno e fate riposare una mezz’oretta. Suddividete la pasta in 4/5 parti uguali; con ognuna di esse formate dei lunghi cilindri che richiuderete a mo’ di ciambella. Per fare le classiche punte sulla superficie, utilizzate un paio di forbici e praticate dei tagli obliqui verso l’alto.

In una pentola fate bollire abbondante acqua leggermente salata, immergetevi un bracciatello per volta per un paio di minuti, scolate bene e posizionate sulla teglia del forno, coperta con un foglio di carta forno. Pennellate la superficie di ogni  bracciatello con l’albume leggermente sbattuto. Scaldate il forno a 200 gradi e infornate per circa 30 minuti, o comunque finchè i bracciatelli risulteranno ben dorati. Sfornate e fate raffreddare.

Io vi consiglio di conservarli in sacchetti per la conservazione dei cibi in freezer.

12802736_10205967635132671_8913516787031529827_n

4 Comments
POSTED IN: ,


Bueno cheesecake

Scusate, colpa mia, il tempo fa le bizze perchè finalmente torno qui a pubblicare!! Mamma mia, prima un sole splendido e temperatura a 18 gradi…poi neve e 4 gradi…poi ancora sole e caldino…e poi mi meraviglio se mi torna il raffreddore… Vabbè, vi va di consolarci con una bella fetta di questa cheesecake? E’ nato come un esperimento, non avevo mai utilizzato i kinder bueno in una ricetta, devo dire che l’esperimento è più che riuscito! Con quel leggero gusto di nocciola poi…irresistibile, in men che non si dica, puff.. sparita!

Ingredienti per 8-10 persone (stampo tondo a cerniera 26 cm di diametro)

per la base:

frollini al cacao, 200 g

burro fuso freddo, 95 g

per la crema:

2 uova e 1 tuorlo

zucchero, 90 g

formaggio fresco spalmabile, 500 g

panna liquida, 2oo ml

6 barrette di kinder bueno

1/2 fiala di aroma alla vaniglia

fecola di patate o amido di mais, 20 g

Preparazione: tritate molto finemente i biscotti frollini, riducendoli in polvere; unitevi il burro e mescolate. Foderate lo stampo con carta forno, versatevi il composto e distribuitelo per tutta la base premendo con il dorso di un cucchiaio. Ponete in frigo per un’ora o freezer per 30 minuti.

Preparate la crema: montate in crema uova, tuorlo e zucchero. A parte frullate i kinder bueno, ottenendo una sorta di cremina,  uniteli al composto di uova e zucchero e mescolate bene. Unite il formaggio fresco e mescolate con una frusta a mano finchè non sarà tutto ben amalgamato, unite la panna, la vaniglia e la fecola, mescolate ancora, ottenendo una crema ben omogenea.

Scaldate il forno modalità statica a 180 gradi.

Prendete la base biscotto e versatevi sopra la crema, livellandola bene.

Infornate per 30 minuti a 180 gradi, poi abbassate a 160 per altri 30-35 minuti.

Spegnete il forno, lasciatevi all’interno la cheesecake per 10 minuti, poi sfornate e fate raffreddare completamente prima di sformare.

Decorate a piacere con pezzetti di kinder bueno e topping al cioccolato.

DSC01593[1]

DSC01594[1]

 

6 Comments
POSTED IN:


Ciambella allo yogurt greco glassata al miele

Oggi il buongiorno me lo sono data così, con questa ciambella, semplice, soffice e buonissima! E mentre scrivo ho una ciambella pure sulle gambe…non sono impazzita,  questa ciambellina sarebbe la mia cagnolina, che se la dorme tranquillamente, appunto, acciambellata ^_^

La ricettina è per uno stampo di 23 cm di diametro, ma  potete tranquillamente aumentare le dosi.

Ingredienti:

farina 00, 145 g

zucchero, 150 g

3 uova

yogurt greco bianco, 150 g

olio di semi (per me girasole), 100 ml

1 bustina di vanillina

mezza bustina di lievito per dolci

miele liquido (per me acacia) q.b.

Preparazione: separate tuorli e albumi. In una ciotola miscelare farina, zucchero, vanillina e lievito, fate un buco al centro e versatevi lo yogurt, i tuorli e l’olio, mescolate il tutto ottenendo un composto omogeneo. Montate a neve ferma gli albumi e aggiungeteli al composto, mescolando delicatamente.  Imburrate e infarinate uno stampo per ciambella, versatevi il composto e infornate a 180 gradi per 40/45 minuti. Sfornate fate raffreddare nello stampo e poi sformate.  Glassate con il miele che preferite, ma vi consiglio di non scegliere quelli dal sapore troppo intenso.

DSC01570[1]

DSC01574[1]

 


Meringata con cioccolato fondente

 Torno da una luuuuuuunga pausa, lo so, ma con il caldissimo di quest’anno avevo poca voglia di cucinare, proprio giusto pranzo e cena il minimo indispensabile 😀 Ora con l’arrivo dell’autunno, tenetevi pronti perchè tornerò! (si è una minaccia, muahahah) Intanto oggi comincio con dolcezza, ovvero con una golosissima e semplicissima meringata…un dolce che davvero richiede pochissimi ingredienti e che, a mio avviso,non ha bisogno di particolari farce, io infatti uso solo del buon cioccolato fondente…come dico io, semplice ma efficace 😉

Ingredienti per 6 persone:

3 albumi

zucchero, 300 g

panna fresca, 500 ml

2 cucchiai di zucchero a velo

cioccolato fondente, 100 g

Preparazione: sbattete gli albumi con le fruste elettriche (o planetaria); quando sono quasi del tutto montati a neve cominciate ad aggiungere lo zucchero un cucchiaio per volta in modo che venga tutto perfettamente amalgamato, continuate a frullare per circa 5 minuti finchè il composto risulterà lucido e omogeneo. Ponete un foglio di carta forno su di una teglia e formate un disco di meringa abbastanza spesso (24 cm di diametro). Foderate di carta forno un’altra teglia e versatevi il composto rimanente livellandolo. Cuocete le meringhe in forno caldo a 120 gradi per 45 minuti. Spegnete e fate raffreddare. Montate la panna con lo zucchero a velo e tritate il cioccolato. Staccate lentamente il disco di meringa dalla carta forno e ponetelo sulla base di uno stampo a cerniera. Mettete la panna in una sac a poche e fate un primo strato sopra alla meringa, aggiungete metà del cioccolato e fate ancora uno strato di panna, terminandola. Sbriciolate l’altra meringa e ricoprite interamente la torta. Guarnite col cioccolato rimanente, chiudete lo stampo e ponete in freezer a solidificare almeno per mezz’ora. Per servire, sformate il dolce aprendo la cerniera dello stampo e toglietelo dal freezer 20 minuti prima di servirlo. Se ne avanza riporlo in freezer.

DSC01553[1]        DSC01554[1]     DSC01557[1]        DSC01563[1]

10 Comments
POSTED IN:


Lasagna di carasau con verdure e stracchino

Buonforno!! Ehm, cioè…buongiorno!! E infatti vi propongo una ricetta in cui si deve utilizzare proprio il tanto amato forno durante la stagione estiva..perchè io mica ci riesco a starci lontano per troppo tempo…comunque sia non vi chiedo di usarlo per ore, ma solo una mezz’oretta…e credetemi ne vale davvero la pena!

Ingredienti per 4 persone:

pane carasau, 120 g

2 zucchine

2 melanzane non troppo grandi

stracchino, 300 g

formaggio grattugiato (parmigiano, grana, pecorino..), 80 g

brodo vegetale caldo, circa 500 ml

sale

olio evo

prezzemolo tritato, una manciata

Preparazione : pulite e lavate le verdure, tagliatele a fette sottili nel senso della lunghezza e passatele in padella con poco olio e per pochi minuti. Ponete le fette su un piatto e tenete da parte. Prendete una pirofila (io uso pirofila rettangolare 25×16 cm), ungetela con olio anche sui bordi. Fate un primo strato con le verdure e cospargete con  un pizzico di sale. Procedete con uno strato di carasau (40 g), bagnate con un mestolino di brodo e fate un altro strato di verdure, salate, aggiungete qualche cucchiaiata di stracchino e una manciata di formaggio grattugiato. Proseguite con uno strato di carasau, brodo, verdure, stracchino e formaggio fino a terminare gli ingredienti, dovrebbero venire tre strati, l’ultimo dei quali dev’essere di verdure stracchino e formaggio grattugiato. Cospargete la superficie col prezzemolo e infornate a 180 gradi per 30 minuti (se durante la cottura vedete che la superficie scurisce troppo abbassate a 170 gradi). Ottime sia calde che fredde.

DSC01538[1]

 

 

DSC01539[1]

 


Polpettine fusion

No, non mi sono ancora liquefatta….per ora…anche se pare che le temperature debbano abbassarsi, il che non sarebbe un male eheh 🙂

Allora, se non invento non sto bene, ma questo è noto, no? Vi propongo delle polpettine finger food molto fusion ma ultra buone!!! è la ricetta che ho pensato per il primo contest di ifood incentrato sul mio amato street food! Potevo farmelo sfuggire? 🙂

Ingredienti per circa 16 mini polpettine:

code di gambero fresche, 220 g
½ avocado
una zucchina
succo di mezzo lime
formaggio feta, 100 g
uno spicchio d’aglio
pangrattato, 5 cucchiai
un pizzico di zenzero macinato
un pizzico di paprica dolce
sale e pepe
farina q.b.
Olio di semi di mais o girasole per friggere

Procedimento: pulite i gamberi e lessateli per 5 minuti dal bollore. Scolate e mettete dentro al bicchiere del mixer. Lessate la zucchina, tagliatela a pezzi e unitela ai gamberi. Aggiungete il resto degli ingredienti all’interno del mixer, tranne pangrattato e farina. Azionate e fate andare fino ad ottenere un composto omogeneo e fine. Trasferite in una ciotola, unite il pangrattato e mescolate con un cucchiaio, amalgamando bene. Formate col composto delle polpettine grosse quanto una noce o poco meno, passatele nella farina e friggetele in olio caldo ma mantenendo la fiamma medio-bassa in modo da non far scurire troppo le polpette. Fatele dorare bene, scolate e fate asciugare su carta assorbente. Servite calde oppure anche fredde.

 

DSC01525[2]

DSC01528[1]

DSC01531[1]

5 Comments
POSTED IN:


Cestini di parmigiano con insalata esotica

Eccomi con la mia seconda proposta per #prchef2015! Quando amo questo concorso, eh si, perchè dove c’è semplicità, ci sono io…qualità che amo, in generale, non solo in cucina..

Questa volta arrivo con una ricettina originale, diversa dal solito, particolare ma al tempo stesso davvero semplice!!

DSC01519[1] 2

Ingredienti per 2 persone:

parmigiano reggiano 24 mesi grattugiato, 80 g

mezzo avocado

melone cantalupo, 80 g

10 code di gambero fresche

inoltre:

olio e.v.o.

sale

glassa di aceto balsamico

Preparazione: anzitutto preparate i cestini; scaldate una padella antiaderente di 22-24 cm di diametro, cospargetevi per tutta la superficie il parmigiano (40 g per volta) in modo uniforme, attendete che si sciolga, dunque togliete dal fuoco e con una spatola raccogliete la cialda, posizionatela su di una ciotola capovolta (non troppo grande) date forma di cestino e lasciate raffreddare. Procedete ugualmente per la seconda cialda.  Sgusciate i gamberi, privateli del loro “filo nero” sul dorso e  lasciate loro la “coda”. Scaldate una piastra (o padella) antiaderente, mettetevi un giro d’olio e cuocetevi i gamberi finchè assumono un bel colore arancio, salateli e  tenete da parte. In una ciotola tagliate a dadini l’avocado e il melone, unitevi i gamberi, aggiustate di sale, date un giro d’olio e mescolate. Dividete l’insalata in ogni cestino di parmigiano e terminate con qualche goccia di glassa al balsamico.

DSC01521[1]

DSC01523[1]

3 Comments
POSTED IN:


Crème Bruleè al parmigiano reggiano con pancetta caramellata

Anzitutto volevo ringraziare Parmigiano Reggiano per avermi dato la possibilità di partecipare a #PRCHEF2015, per me è un grande onore davvero, oltre che divertimento, grazie!!

Per me la semplicità in cucina non è l’eccezione, ma la regola. Il mio mantra è proprio questo, come nella vita di tutti i giorni, le cose semplici sono sempre le migliori. Non è importante preparare un piatto super elaborato, ma lo è invece la qualità degli ingredienti, dalla quale dipende tutto.

E così, ho pensato che questo contest facesse proprio al caso mio, dove la semplicità la fa da padrone.

DSC01486[1] 2

Ho pensato di preparare questa crème bruleè, perchè è un piatto davvero semplicissimo, ma super gustoso, grazie al contrasto dolce-salato e alla consistenza soffice della crema con quella croccantina della sua superficie.

Ingredienti per 4 cocottine:

Parmigiano Reggiano 36 mesi, 50 g

panna fresca liquida, 400 ml

3 tuorli d’uovo

Pancetta dolce a cubetti, 60 g

inoltre:

qualche fogliolina di salvia

un pizzico di noce moscata

sale e pepe

zucchero di canna

Preparazione: in un pentolino portate fin quasi ad ebollizione la panna, dunque spegnete il fuoco, aggiungetevi un pizzico di sale, uno di pepe e uno di noce moscata; lasciate intiepidire. Nel frattempo in una ciotola sbattete i tuorli con una frusta elettrica fino ad ottenere un composto cremoso, gonfio, spumoso e di colore giallo chiaro. Versate a filo la panna sulle uova, mescolando con una frusta a mano e non troppo velocemente. Unite poi il parmigiano, poco per volta e sempre mescolando. Terminate con l’aggiunta della salvia (2-3 foglioline) tritata fine e mescolate. Versate il composto in 4 cocottine, ponetele in una teglia, riempitela con acqua arrivando circa a metà delle cocotte e cuocete in forno caldo a 150 gradi per 40/45 minuti. Se la superficie della crema scurisce troppo, coprite con un foglio d’alluminio. Al termine sfornate e fate almeno intiepidire. Distribuite su ogni cocotte dello zucchero di canna (mezzo cucchiaio) e caramellizzate con l’apposito cannello oppure passate sotto al grill del forno per 3-4 minuti. In una padella antiaderente fate sciogliere circa due cucchiai di zucchero di canna, unitevi la pancetta e fate cuocere un paio di minuti. Distribuite subito la pancetta sulle cocottine.

DSC01501[1]

 

 

 

 

DSC01505[1]

DSC01509[1]

DSC01507[2]

9 Comments
POSTED IN:


Polpettine semplici di melanzane allo zenzero

Buongiorno! Piovoso, uffa….vabbè, si è rinfrescata un pochino l’aria, l’importante è che non faccia (di nuovo) brutto nel weekend, vorrei andare al mare pure io ogni tantoooo 😀

Da brava amante della cucina semplice, oggi vi propongo queste polpettine vegetariane, semplici, veloci e….slurposissime!!

Ingredienti per 4 persone:

3 melanzane di media grandezza

un uovo

un pizzico di noce moscata

2 cucchiaini rasi di zenzero macinato

un cucchiaio di prezzemolo tritato

sale e pepe

pangrattato q.b.

farina q.b.

olio di semi (girasole o mais) per friggere

Preparazione: tagliate a metà le melanzane, ponetele in una teglia con la parte tagliata rivolta verso l’alto, copritele con un foglio di carta stagnola e mettete in forno a 200 gradi per 25 minuti. Togliete dal forno, fate intiepidire e scavate le melanzane con un cucchiaio; ponete la polpa nel mixer e frullate. Trasferite in una ciotola, unite l’uovo, le spezie, il prezzemolo, aggiustate di sale e pepe e mescolate. Unite tanto pangrattato quanto ne serve ad ottenere un impasto sodo, ma non troppo (ce ne vorranno circa 8 cucchiai) e mescolate di nuovo. Scaldate l’olio per la frittura. Formate le polpettine,  passatele nella farina e friggete uniformemente per 2-3 minuti, attenzione a non farle scurire troppo. Scolate, ponete su carta assorbente e servite calde (ma son comunque buone anche tiepide o fredde).  Io le servo con una salsa allo yogurt oppure tonnata, ma qualsiasi tipo di salsa a mio avviso ci si sposa bene!

 

DSC01463[1]

DSC01468[1]

 

2 Comments
POSTED IN:


Fusilli bucati con zucchine, fagiolini e speck

Niente, è inutile…nemmeno i 40 gradi all’ombra mi allontanano dai fornelli e dal forno! Come si dice, toccatemi tutto, ma non la cucina, non potrei davvero farne a meno….oltre che un “dovere” perchè oh, se deve magnà e quindi… per me è un antistress, una valvola di sfogo, un passatempo, un divertimento…insomma I <3 cooking ^.^

Questa è la stagione delle mille verdure che l’orticello offre, e io mi sbizzarrisco tra un sacco di preparazioni, oggi vi propongo una pasta buona buona per quanto semplice; uno dei miei formati di pasta preferiti è proprio questo, i fusilli bucati lunghi, che a mio avviso con questo condimento ci si sposano benissimo!

BUON WEEKEND

Ingredienti per 2 persone:

fusilli bucati lunghi, 200 g

una zucchina

fagiolini (lessi), 100 g

speck tagliato a striscioline, 80 g

una cipolla

olio e.v.o.

sale e pepe

Preparazione: tritate la cipolla e fatela soffriggere in padella con un filo d’olio, tagliate la zucchina a dadini e versatela in padella, cuocendo per qualche minuto finchè i pezzetti di zucchina diventano leggermente “arrostiti”, dorandosi leggermente; unite lo speck, fate rosolare tenendo la fiamma media. Infine unite i fagiolini tagliati a pezzetti, aggiustate di sale e pepe e lasciate insaporire per un paio di minuti. Cuocete la pasta in acqua bollente salata per 6-7 minuti, scolate e trasferite nella padella col sugo, saltate, date un giro d’olio a crudo e servite.

 

DSC01459[1]

DSC01461[1]

 

3 Comments
POSTED IN: