Le loukoumades e la lettera E

Con una bella giornata così, la lettera E del mio momento aforisma non poteva che riguardare l’Energia, quella che si libera proprio grazie a giornate così serene e piene di sole 🙂

– Ogni uomo e ogni donna sono in connessione con l’energia che molti chiamano “amore”, ma che in realtà è la materia prima con cui è stato creato l’universo. Questa energia non può essere manipolata, è essa che ci guida dolcemente, è in essa che si concentra tutto il nostro apprendistato per la vita. Se tentiamo di indirizzarla verso obiettivi scelti da noi, finiamo in balia della disperazione, della frustrazione, dell’illusione, perchè essa è libera e selvaggia.
(Paulo Coelho, Lo Zahir)



– Comunichiamo attraverso campi d’energia che ci collegano gli uni agli altri. Secondo la consapevolezza che abbiamo sviluppato, il nostro campo si allarga a comprendere la vibrazione di coscienza di altre specie, di altre realtà, di nuove verità.

(Tiziana Mattera, Le carte delle driadi)

Oggi questi dolcetti a dir poco sensazionali, simili alle castagnole ma molto più leggeri, le loukoumades.

LOUKOUMADES
ingredienti per 8 persone:

farina, 500 g
un cubetto di lievito di birra
un cucchiaino di sale
zucchero, 80 g
miele d’acacia, 70 g
acqua, 70 ml
olio di semi per friggere

Preparazione: in una ciotola mettete la farina, il sale, un cucchiaino di zucchero e il lievito sciolto in mezzo bicchiere d’acqua e cominciate ad impastare aggiungendo acqua fino ad avere una pasta morbida (si aggiunge poco più di mezzo bicchiere d’acqua). Fate una palla e lasciate lievitare nella ciotola coperta con un panno per un’ora e mezza. Scaldate bene l’olio in un tegame, prelevate con le mani piccole quantità di pasta e fate delle palline grosse quanto poco meno di una noce e friggete. Mettete a friggere poche palline per volta in modo che abbiano lo spazio sufficiente per girarsi (si esatto si girano da sole). Quando sono ben colorate scolate e mettete ad asciugare in un vassoio con carta assorbente. Finito di friggere fate lo sciroppo mettendo il miele, lo zucchero rimasto e i 70 ml d’acqua in un pentolino e fate cuocere finchè gli ingredienti non sono ben amalgamati tra di loro. Versate lo sciroppo caldo sulle loukoumades e servite.




6 Responses to Le loukoumades e la lettera E

  1. Le Tre Line says:

    Mmmmmm che delizia!!! Li proverò sicuramente
    Un bacino Lina E
    ps: anche io ho postato una ricettina!

    http://onlineonlove.blogspot.it/2013/01/plumcake-ciocco-cocco.html

  2. Ely says:

    Deliziosi questi dolciniiii! 😀 Bravissima Saretta.. e come posso non essere felice delle citazioni quando esponi le parole del grande Coelho? Grazie! Un abbraccione!

  3. mmm che deliziosi dolcetti, e ragazza mai come oggi ho bisogno di energia, quella pura! grazie tesoro di questi preziosi aforismi, felice serata tesoro :*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *