Category Archives: Tutte le ricette

La ”Zambèla” Romagnola

Ah, la mia Romagna, quante cose buone nella sua tradizione…

tra le tante prelibatezze, in particolare tra i dolci, c’è lei… la Zambèla!

Altrimenti detta la ”ciambella” romagnola, una tortina di una semplicità…e bontà…uniche.

Le particolarità di questo fantastico dolce?

1)Non ha bisogno di nessuno stampo per la cottura; basta la teglia del forno

2) non è tonda e nemmeno col buco, ma è…ehm ”ovalizzante” (ora scrivo alla Crusca)

3) la tradizione vuole che tra i suoi ingredienti vi sia lo strutto, ma, se non reperibile, può esser sostituito dal classico burro nella stessa quantità

Allora, onestamente…io questa torta la mangerei pure nel sonno…

Ma, se proprio devo, ve la consiglio in particolare a colazione..si perché, con una fetta ad Zambèla, la zurnèda la sarà propri bèla!

(con una fetta di ciambella, la giornata sarà proprio bella)

Con queste dosi avrete due ciambelle, si conserva benissimo anche per una settimana, basta tenerla in un sacchetto, tipo quelli per il freezer, ben chiuso…ma non penso ci arrivi, alla settimana dico, finirà prima, ne sono sicura.

INGREDIENTI:

farina 00, 500 g

zucchero, 200 g

2 uova medie + 1 sbattuto per spennellare

3 gocce di aroma all’arancia o all’anice

strutto (o burro) fuso, 95 g

un bicchiere di latte intero o parzialmente scremato

una bustina di lievito per dolci

granella di zucchero per guarnire

PREPARAZIONE: in una ciotola capiente mettete farina, zucchero, uova e aroma, date una prima mescolata con un cucchiaio di legno (potete anche usare la planetaria con gancio K), aggiungete lo strutto e metà del latte, mescolate e infine unite il lievito ed il latte rimanente; otterrete un impasto simile alla ciambella classica, leggermente più sodo.

Scaldate il forno a 180 gradi.

Foderate la leccarda con carta forno e con l’impasto formate direttamente su di essa le ciambelle; mettete l’impasto a cucchiaiate sulla teglia, metà da una parte metà dall’altra; ad ognuna delle parti di impasto darete, sempre aiutandovi col cucchiaio, la suddetta forma ovalizzante, in questo modo:

Ora, ognuna delle ciambella dovrà essere pennellata benissimo con l’uovo sbattuto e guarnita con la granella di zucchero.

Infornate per 20 minuti. Lasciate raffreddare e poi, beh, buona colazione! (ma anche merenda, dessert, spuntino di mezzanotte…)


Biscottini intrecci

Ma che freddo fa?? Vabbè dai, non tutto il male (si, perché il freddo per me è malemalissimo) vien per nuocere…

Freddo = posso tranquillamente accendere il forno.

Oltretutto, se non strettamente necessario, io fuori dalla porta non metto manco un’unghia ^_^ quindi, quale modo migliore di passare il tempo in casa cucinando? E in particolare producendo questi fantastici biscottini? Semplici, buonissimi, ideali a colazione o a merenda, con queste dosi ne vengono circa una cinquantina.

INGREDIENTI:

farina 00, 500 g

zucchero, 175 g

mezza bustina di lievito per dolci

una bustina di vanillina o una fialetta di aroma alla vaniglia

2 uova

burro freddo, 100 g

latte,70 g

cacao amaro, 15 g

PREPARAZIONE: premessa: l’impasto si può fare sia a mano che con la planetaria, ma tanto alla fine pure se userete quest’ultima, dovrete impastare un pochino con le mani, non la scampate insomma! Muahahah

In planetaria o in una terrina capiente mixate farina, zucchero, lievito e vanillina, unitevi le uova, riamalgamate e infine unite il burro a tocchetti e il latte. Impastate benissimo e, se state usando la planetaria, quando vedete che l’impasto comincia a compattarsi, toglietelo dalla ciotola e lavoratelo a mano. Dovrete avere una bella pasta liscia e soda; dividetela in due parti uguali. Una di esse dovrà essere impastata assieme al cacao precedentemente diluito con un goccio di latte o acqua, in modo che la pasta non diventi dura come l’acciaio inox 18/10. Ora avrete impasto bianco e impasto nero. Con ognuno di essi dovrete formare dei rotoli, dallo spessore di circa un dito ( da non intendersi dito stile shrek, ma un pochino più sottile). Intrecciate i due rotoli formandone uno unico e tagliatelo in pezzetti da circa 4 cm. Foderate la placca del forno con l’apposita carta, ponetevi i biscotti distanziati tra loro. Scaldate il forno (170 gradi ventilato 180 statico) e cuocete per 20 minuti. Sfornate e fate raffreddare benissimo, so che sarete tentati ad assaggiarli subito ma, fidatevi, onde evitare ustioni, meglio aspettare.

 


Crêpes dolci

Siamo alle solite, come può in blog semi-serio di cucina mancare QUESTA ricetta??

No panic, rimedio subito…

Crêpes dolci, per me sempre adatte, colazione…pranzo…cena…spuntino di mezzanotte…e perché no, pure per Natale…

Con queste dosi otterrete circa 7-8 crêpes; nel caso vi rimanga della pastella potete tranquillamente conservarla in frigo, coperta con pellicola, fino a 4 giorni (non so dirvi se questo è il tempo limite, io non sono andata oltre, anche perché è abbastanza impossibile che in casa mia rimanga).

Quando la riutilizzerete dovrete solo rigirare bene con una frusta.

INGREDIENTI:

3 uova

zucchero, 100g

latte, 300 g

farina 00,160 g

per farcire: nutella, marmellata ecc… e, almeno per me, una generosa spolverata di zucchero a velo, grazie!

PREPARAZIONE: in una ciotola sbattete benissimo le uova con lo zucchero, utilizzando una frusta. Unite il latte, mescolate sempre con la frusta e infine unite la farina setacciata. Otterrete una bella pastella liscia. Prima di utilizzarla consiglio di porla in frigo coperta con pellicola per almeno un’oretta.

Allora, per farle io uso una semplice padella super antiaderente, cosi non serve ungerla…perché da brava foodblogger semi-seria NON ho la padellina apposita, ovviamente indicata allo scopo.

Comunque, prendete la padella (quella da me usata misura 36 cm di diametro) e scaldatela bene, senza tenere la fiamma troppo alta. Rigirate la pastella con la frusta e versatene due piccoli mestolini ( o uno grande scarso) al centro della padella; col dorso del mestolo stendete la pastella con movimento circolare su tutta la base della padella. La pastella comincerà quasi subito a cuocersi, dunque con una spatola cominciate a staccarla partendo dai bordi; quando vedrete che la parte sotto si è scurita girate la vostra crêpe e lasciatela cuocere per un altro minutino. Voilà, la crêpe è pronta, rimane solo da farcirla spalmandola su tutta  la superficie con…quello che volete, nutella, marmellata…. Piegatela a metà poi a un quarto, otterrete un triangolo. Spolverizzate con lo zucchero a velo, fatelo, non ve ne pentirete!

No Comments
POSTED IN: ,


Straccetti di prosciutto all’agrodolce

Rieccomi qui, con una nuova ricettina semplicissima, deliziosi straccetti di prosciutto fresco con una salsa agrodolce leggermente rivisitata, una goduria! Se volete al posto del prosciutto potete utilizzare il filetto, ma a mio avviso perderebbe quel sapore in più 😉

INGREDIENTI PER 3-4 PERSONE:

8-10 fette di prosciutto fresco

3 cucchiai d’olio di semi di girasole o arachidi

sale q.b.

PER LA SALSA :

brodo caldo (vegetale o di carne), 300 ml

uno spicchio d’aglio tritato finemente

un cucchiaino di zenzero in polvere

 2 cucchiai di glassa di aceto balsamico

2 cucchiaini di fecola o amido di mais

un cucchiaio di zucchero

PREPARAZIONE: tagliare a striscioline le fette del prosciutto. Scaldare l’olio una padella abbastanza larga o un wok e rosolarvi la carne, regolando di sale. Nel frattempo preparare la salsa; in una ciotola versare tutti gli ingredienti e mescolare bene con una frusta a mano, omogeneizzando il tutto. Quando la carne sarà ben rosolata, unirvi la salsa, coprire la padella con coperchio e lasciar cuocere per un’ora a fuoco basso. Voilà, pronti!

Made with Repix (http://repix.it)


Ravioli dolci con ricotta e cioccolato…al forno!

Ma come? Cioè prima questa manca per mesi poi addirittura due ricette nel giro di due giorni? Beh…si. ahaha 😉

Chi l’ha detto che durante il periodo di carnevale i dolci devono essere rigorosamente fritti? Per quanto mi riguarda adoro mangiare cibi fritti, ma farlo proprio no, solo in casi di estrema necessità, ovvero quando il fidanzato lo reclama a gran voce con tanto di protesta e cartelloni in giro per casa… 😉

Ravioli dolci, al forno, ripieni di ricotta e gocce di cioccolato.

Con queste dosi ne vengono circa 25-26 .

Potete scegliere se fare l’impasto con la planetaria oppure a mano.

INGREDIENTI:

farina 00, 450 g

zucchero di canna, 100 g

burro ammorbidito, 50 g

2 uova

un vasetto di yogurt al naturale

un cucchiaino raso di lievito per dolci

PER LA FARCIA:

ricotta, 200 g

zucchero a velo vanigliato (o zucchero a velo normale + una bustina di vanillina), 2 cucchiai

gocce di cioccolato, 70 g

PREPARAZIONE: in planetaria (o in una ciotola abbastanza grande), sgusciare le uova, unire lo zucchero e cominciare a mescolare (se usate la planetaria con gancio K oppure a mano con una forchetta). Unire lo yogurt, il burro a pezzetti e continuare a mescolare. Aggiungere lievito e farina, mescolare poi trasferire il composto su un piano infarinato; lavorare a mano per un minuto, aggiungendo farina se necessario; dovrete ottenere una pasta liscia e soda che non si attacchi alle mani. Coprire con della pellicola e porre in frigo 30 minuti.

Per il ripieno: in una ciotola versare tutti gli ingredienti e mescolare con un cucchiaio.

Riprendere la pasta e stenderla col mattarello su un piano infarinato in una sfoglia non troppo spessa. Ricavare col coppapasta tanti dischi (diametro 9 cm), al centro di ognuno porre un cucchiaino abbondante di ripieno. Bagnare i bordi di ogni disco con poca acqua e chiuderli a mezzaluna, schiacciare poi il bordo coi rebbi della forchetta. Reimpastare l’eccedente e ripetere le stesse operazioni.

Sistemare i ravioli su teglia foderata con carta forno. Cuocere in forno caldo ventilato a 180 gradi ( statico 190 gradi) per 20 minuti.

Lasciare almeno intiepidire e spolverizzare con zucchero a velo.


Ciambelline al forno

Dopo, tanto, tantissimo tempo…rieccomi! Non è stato un periodo dei migliori, anzi, proprio pessimo, avendo subìto un intervento chirurgico non proprio simpatico…

Ma rieccomi qui, con una nuova ricettina; ciambelline, sofficissime, leggerissime perchè cotte in forno e molto ma molto buone! Con queste dosi ne verranno circa 18-20 pezzi. Potete scegliere di procedere a mano o con la planetaria.

INGREDIENTI:

farina (metà 0 o manitoba e metà 00), 500 g

fecola di patate, 60 g

latte tiepido, 250 ml

lievito di birra fresco, 20 g

zucchero, 90 g

olio di semi di girasole, 80 g

2 uova

una fialetta di aroma alla vaniglia o una bustina di vanillina

scorza grattugiata di un’arancia

succo di mezzo limone

PREPARAZIONE: in planetaria col gancio per impastare (o in una ciotola se procedete a mano) versare il latte, aggiungervi il lievito sbriciolato e iniziare a mescolare fino a scioglierlo. Unire lo zucchero, l’olio, le uova, la vaniglia, la scorza d’arancia, il succo di limone e mescolare omogeneizzando il tutto. Miscelare insieme farina e fecola, aggiungerle dunque poco alla volta al composto, sempre mescolando. Una volta terminata la farina, togliere dalla ciotola l’impasto e lavorarlo a mano su un piano infarinato, fino ad ottenere una pasta liscia che non si attacchi alle mani. Riporre in una ciotola leggermente infarinata, coprire con un panno e lasciar lievitare per almeno un’ora (deve raddoppiare di volume).

Riprendere la pasta e stenderla col mattarello in una sfoglia rettangolare di un centimetro di spessore. Con un coppapasta tondo di 9 cm di diametro tagliare la sfoglia in tanti dischi. Al centro di ognuno tagliare un altro disco con coppapasta di 3 cm di diametro, toglierlo e otterrete così le ciambelline. Reimpastare la pasta eccedente e procedere allo stesso modo per ottenere altre ciambelle. Foderare due o più teglie con carta forno e trasferirvi sopra le ciambelline, distanziandole tra loro di 1-2 cm. Coprire le teglie con un panno e lasciar lievitare per almeno 45 minuti.

Scaldare il forno (statico 180 gradi ventilato 170 gradi). Una volta ben caldo trasferirvi le teglie e cuocere per 15 minuti.

Appena sfornate, pennellare la superficie delle ciambelline con poca acqua e spolverizzare abbondantemente con zucchero a velo.

Se volete potete comunque friggerle, in questo caso una volta scolate fate asciugare le ciambelline su carta assorbente e passatele nello zucchero semolato.


Ciambella al limone…senza bilancia!

Si fa in 5 minuti, non c’è bisogno di una bilancia ma solo di un cucchiaio.. et voilà, una ciambella morbidisssssima e buonissima!!! Ideale per la colazione, ma adatta ad ogni occasione…

Ingredienti per uno stampo da ciambella di 23 cm di diametro:

3 uova

un pizzico di sale

12 cucchiai di zucchero

10 cucchiai d’olio di semi (girasole o arachidi)

10 cucchiai di latte

6 cucchiai di succo di limone

16 cucchiai di farina 00

1 bustina di lievito per dolci

Preparazione: in una ciotola sbattete le uova e il sale con una frusta elettrica, aggiungete gli altri ingredienti nell’ordine indicato, mescolando ad ogni aggiunta.

Scaldate il forno a 180 gradi.

Ungete uno stampo da ciambella, versatevi il composto e infornare per 40 minuti. Sfornare e lasciar raffreddare poi togliere dallo stampo.

A piacere spolverizzare con zucchero a velo.


Il Bracciatello!!

Meglio tardi che mai, ma sono qua per presentarvi sua maestà ^_^ il bracciatello!

Tipico della cucina romagnola, il bracciatello (brazadèl in dialetto) è un prodotto da forno che viene preparato tradizionalmente per Pasqua. A base di uova e farina, il bracciatello ha una forma a ciambella e una consistenza solida e filamentosa. Esso viene prima fatto cuocere in acqua bollente, pennellato con albume e passato in forno. Ottimo da solo, ideale per accompagnare salumi vari. In alcune zone è tradizione farlo benedire la sera della vigilia di Pasqua per poi gustarlo il giorno dopo.

La preparazione, come vi dicevo, è a base di uova e farina, quindi molto semplice.

Le dosi che vi lascio bastano per 4/5 bracciatelli.

Ingredienti:

farina 00, 1 kg

6 uova

un albume per pennellare

una presa di sale

acqua tiepida se necessaria

Preparazione: disporre la farina a fontana su un piano da lavoro, rompere le uova al centro di essa, unirvi il sale e con una forchetta cominciare a sbatterle, amalgamandovi pian piano la farina. Cominciate ad impastare e , se necessario, unite poca acqua tiepida. Otterrete un impasto simile a quello per fare la pasta all’uovo. Copritelo con un panno e fate riposare una mezz’oretta. Suddividete la pasta in 4/5 parti uguali; con ognuna di esse formate dei lunghi cilindri che richiuderete a mo’ di ciambella. Per fare le classiche punte sulla superficie, utilizzate un paio di forbici e praticate dei tagli obliqui verso l’alto.

In una pentola fate bollire abbondante acqua leggermente salata, immergetevi un bracciatello per volta per un paio di minuti, scolate bene e posizionate sulla teglia del forno, coperta con un foglio di carta forno. Pennellate la superficie di ogni  bracciatello con l’albume leggermente sbattuto. Scaldate il forno a 200 gradi e infornate per circa 30 minuti, o comunque finchè i bracciatelli risulteranno ben dorati. Sfornate e fate raffreddare.

Io vi consiglio di conservarli in sacchetti per la conservazione dei cibi in freezer.

12802736_10205967635132671_8913516787031529827_n


Bueno cheesecake

Scusate, colpa mia, il tempo fa le bizze perchè finalmente torno qui a pubblicare!! Mamma mia, prima un sole splendido e temperatura a 18 gradi…poi neve e 4 gradi…poi ancora sole e caldino…e poi mi meraviglio se mi torna il raffreddore… Vabbè, vi va di consolarci con una bella fetta di questa cheesecake? E’ nato come un esperimento, non avevo mai utilizzato i kinder bueno in una ricetta, devo dire che l’esperimento è più che riuscito! Con quel leggero gusto di nocciola poi…irresistibile, in men che non si dica, puff.. sparita!

Ingredienti per 8-10 persone (stampo tondo a cerniera 26 cm di diametro)

per la base:

frollini al cacao, 200 g

burro fuso freddo, 95 g

per la crema:

2 uova e 1 tuorlo

zucchero, 90 g

formaggio fresco spalmabile, 500 g

panna liquida, 2oo ml

6 barrette di kinder bueno

1/2 fiala di aroma alla vaniglia

fecola di patate o amido di mais, 20 g

Preparazione: tritate molto finemente i biscotti frollini, riducendoli in polvere; unitevi il burro e mescolate. Foderate lo stampo con carta forno, versatevi il composto e distribuitelo per tutta la base premendo con il dorso di un cucchiaio. Ponete in frigo per un’ora o freezer per 30 minuti.

Preparate la crema: montate in crema uova, tuorlo e zucchero. A parte frullate i kinder bueno, ottenendo una sorta di cremina,  uniteli al composto di uova e zucchero e mescolate bene. Unite il formaggio fresco e mescolate con una frusta a mano finchè non sarà tutto ben amalgamato, unite la panna, la vaniglia e la fecola, mescolate ancora, ottenendo una crema ben omogenea.

Scaldate il forno modalità statica a 180 gradi.

Prendete la base biscotto e versatevi sopra la crema, livellandola bene.

Infornate per 30 minuti a 180 gradi, poi abbassate a 160 per altri 30-35 minuti.

Spegnete il forno, lasciatevi all’interno la cheesecake per 10 minuti, poi sfornate e fate raffreddare completamente prima di sformare.

Decorate a piacere con pezzetti di kinder bueno e topping al cioccolato.

DSC01593[1]

DSC01594[1]

 

6 Comments
POSTED IN:


Ciambella allo yogurt greco glassata al miele

Oggi il buongiorno me lo sono data così, con questa ciambella, semplice, soffice e buonissima! E mentre scrivo ho una ciambella pure sulle gambe…non sono impazzita,  questa ciambellina sarebbe la mia cagnolina, che se la dorme tranquillamente, appunto, acciambellata ^_^

La ricettina è per uno stampo di 23 cm di diametro, ma  potete tranquillamente aumentare le dosi.

Ingredienti:

farina 00, 145 g

zucchero, 150 g

3 uova

yogurt greco bianco, 150 g

olio di semi (per me girasole), 100 ml

1 bustina di vanillina

mezza bustina di lievito per dolci

miele liquido (per me acacia) q.b.

Preparazione: separate tuorli e albumi. In una ciotola miscelare farina, zucchero, vanillina e lievito, fate un buco al centro e versatevi lo yogurt, i tuorli e l’olio, mescolate il tutto ottenendo un composto omogeneo. Montate a neve ferma gli albumi e aggiungeteli al composto, mescolando delicatamente.  Imburrate e infarinate uno stampo per ciambella, versatevi il composto e infornate a 180 gradi per 40/45 minuti. Sfornate fate raffreddare nello stampo e poi sformate.  Glassate con il miele che preferite, ma vi consiglio di non scegliere quelli dal sapore troppo intenso.

DSC01570[1]

DSC01574[1]