Category Archives: Viaggi e Gite

Un weekend sul lago Maggiore

Buon lunedì, eccomi qua come promesso a parlarvi del magnifico weekend sul lago Maggiore trascorso, ehm, quasi un mese fa -.- sono arrivata lunghisssssssssima lo so, ma meglio tardi che mai 😀

E’ stato, per fortuna, un weekend quasi del tutto sereno, senza pioggia, la domenica un po’ freschino, dato che durante la notte era caduto qualche fiocco di neve sulle vicinissime Alpi 🙂

Sabato pomeriggio arrivo a Verbania, un grazioso paesino affacciato direttamente sull’immenso lago, con visita ai meravigliosi giardini di villa Taranto, che ospitano decine di migliaia di piante, tantissime specie di fiori, tutti colorati, sembrava di camminare in mezzo ad un posto incantato… I giardini di villa Taranto furono fondati dal capitano Neil Mc Eacharn, di origini scozzesi, appassionato di botanica e innamorato dell’Italia.

Nel 1930 ha la possibilità di acquistare la proprietà La Crocetta, situata a Pallanza, sul promontorio della Castagnola, da Rosamund Marke Wood, marchesa di Sant’Elia, dama di Palazzo di S.M. la Regina Elena, e moglie di don Luigi Arborio Mella, conte di Sant’Elia, gran maestro delle cerimonie del re Vittorio Emanuele III, che la usava come residenza estiva.

Lo scopo di questo acquisto in terra italiana era quello di dar vita alla sua più grande ambizione, quella di trasformare questo terreno in uno dei più illustri complessi botanici del mondo. I lavori di trasformazione vennero effettuati dal 1931 al 1940, e McEacharn ribattezzò subito la vasta proprietà Villa Taranto, in onore del suo antenato Étienne Jacques Joseph Alexandre Macdonald, nominato duca di Taranto da Napoleone. Vi lascio qualche foto di questa bellezza. (dico qualche perchè, ehm, m sono lasciata un tantino prender la mano e ne ho più di 300)

DSC00914[1] DSC00915[1] DSC00919[1] DSC00923[1] DSC00925[1] DSC00929[1] DSC00931[1] DSC00936[1] DSC00943[1] DSC00950[1] DSC00956[1] DSC00982[1] DSC00980[1] DSC01002[1] DSC00999[1] DSC01005[1]Domenica giornata dedicata a quei piccoli gioiellini che sono le isole borromee, una meraviglia della natura.  Perchè si chiamano così? Perchè appartenevano alla famiglia milanese dei Borromeo, una delle più illustri del territorio italiano. Furono loro a renderle la bellezza che sono ancora oggi.  La prima delle tre isole visitate è l’Isola Madre, la più grande, sulla quale si trovano raffinatissime collezioni botaniche,  uno dei palazzi costruiti dai Borromeo dove sono perfettamente conservati i prestigiosi arredi e la cappella di famiglia con la meravigliosa facciata arricchita da pannelli in terracotta.

DSC01217[1]DSC01092[1] DSC01097[1] DSC01098[1] DSC01104[1] DSC01115[1] DSC01199[1] DSC01143[1] DSC01197[1]             DSC01188[1] DSC01184[1] DSC01169[1]   DSC01160[1]      DSC01154[1]DSC01163[1]DSC01218[1]DSC01210[1]   DSC01221[1] DSC01229[1]

 

Dall’isola Madre ci spostiamo all’isola dei pescatori, o isola Superiore, è l’unica ad essere stabilmente abitata. Larga 100 metri per 350 di lunghezza, ospita un piccolo centro abitato, dalle caratteristiche case a più piani (con lunghi balconi per essiccare il pesce), con una piazzetta, caratteristici vicoli stretti, il lungolago e la via principale a permettere gli spostamenti rigorosamente a piedi dei 50 abitanti che vivono di pesca e turismo.

DSC01250[1] DSC01262[1]DSC01258[1] DSC01260[1] DSC01261[1]  DSC01263[1]

 

Infine, L’isola Bella, un luogo delizioso; per trasformarla in quello che oggi è ci son voluti circa 400 anni. In origine era un semplice scoglio abitato da pescatori. I Borromeo, particolarmente interessati all’isola, avviarono i lavori su di essa che porteranno alla creazione dell’imponente palazzo e del maestoso giardino terrazzato.

DSC01335[1] DSC01328[1] DSC01324[1] DSC01323[1] DSC01322[1]  DSC01310[1]DSC01304[1] DSC01289[1] DSC01287[1] DSC01284[1] DSC01278[1] DSC01275[1] DSC01274[1] DSC01272[1] DSC01269[1] DSC01271[1]

 

Ecco qua, vi ho raccontato di questo mitico weekend, come già detto sopra, non vi ho messo tutte le foto che ho fatto, altrimenti mi ci vorrebbe un altro post eheh 🙂

Spero vi piaccia ^_^


Pausa relax in Sardegna e tagliolini con zucchine e robiola

Ciao a tutti!!! Mi ci voleva davvero una pausa, la settimana scorsa sono stata nella meravigliosa Sardegna! Io, il mio fidanzato e un’altra coppia di amici, ci siamo divertiti davvero un sacco, oltre che rilassati…e colorati 😀 Eravamo in un residence a San Teodoro, molto carino, poco distante dalla spiaggia e, grazie alla nostra automobilina presa a noleggio, ci siamo potuti spostare tranquillamente e visitare parte dei luoghi meravigliosi che vanta la Sardegna….
Ho modo di scrivere solo ora, avendo avuto un attacco di labirintite….babba bia! Giramenti di testa che manco a una trottola gira così ^_^ penso sia stato per via dell’aereo, dato che al ritorno ero nelle prime file, e avendo anche un apparecchio acustico il fastidio della pressione si è ulteriormente fatto sentire….
Ma ora mi sento molto meglio, e finalmente posso condividere con voi qualche scatto di questa fantastica terra…..

spiaggia “la cinta”

puntalidia

puntalidia

visuale dall’alto di cala Suraccia

capo Coda Cavallo

capo Coda Cavallo

cala Suraccia

cala Suraccia

cala Brandinichi o Tahiti

cala Brandinichi o Tahiti

cala Brandinichi o Tahiti

spiaggia “le tre sorelle”

spiaggia “le tre sorelle”

spiaggia “le tre sorelle”

spiaggia “le tre sorelle”

spiaggia “le tre sorelle”

Porto Rotondo

Porto Rotondo

Porto Rotondo

Porto Cervo

Porto Cervo

Porto Cervo

Porto Cervo

Ne ho messe solo alcune, dato che ne ho fatte solo 190 😛

Ora vi lascio una ricettina semplice ma gustosa, adattissima per l’estate, tagliolini con robiola e zucchine!; l’avevo già in serbo prima di partire, ma tra una cosa e l’altra non sono riuscita a postarla 🙂
Ingredienti per 4 persone:

tagliolini freschi, 300 g
3 zucchine non troppo grandi con i loro fiori
una cipolla bianca
robiola, 100 g
sale e pepe
olio e.v.o.
una manciata di prezzemolo fresco tritato

Preparazione: prendete una padella e versatevi 2 cucchiai d’olio. Tritate la cipolla e soffriggetela a fuoco dolce. Pulite e tagliate a stricioline le zucchine e i fiori e versatele in padella; aggiustate di sale e pepe, unite il prezzemolo e lasciate cuocere a fuoco medio-basso finchè le zucchine saranno tenere. Cuocete i tagliolini in acqua bollente salata per pochi minuti, scolate e trasferiteli nella padella con le zucchine, unite la robiola a pezzetti e saltate la pasta finchè il formaggio sarà sciolto. Servite subito, magari con una spolverata di prezzemolo fresco ^_^

4 Comments
POSTED IN: