Tag Archives: colazione

La ”Zambèla” Romagnola

Ah, la mia Romagna, quante cose buone nella sua tradizione…

tra le tante prelibatezze, in particolare tra i dolci, c’è lei… la Zambèla!

Altrimenti detta la ”ciambella” romagnola, una tortina di una semplicità…e bontà…uniche.

Le particolarità di questo fantastico dolce?

1)Non ha bisogno di nessuno stampo per la cottura; basta la teglia del forno

2) non è tonda e nemmeno col buco, ma è…ehm ”ovalizzante” (ora scrivo alla Crusca)

3) la tradizione vuole che tra i suoi ingredienti vi sia lo strutto, ma, se non reperibile, può esser sostituito dal classico burro nella stessa quantità

Allora, onestamente…io questa torta la mangerei pure nel sonno…

Ma, se proprio devo, ve la consiglio in particolare a colazione..si perché, con una fetta ad Zambèla, la zurnèda la sarà propri bèla!

(con una fetta di ciambella, la giornata sarà proprio bella)

Con queste dosi avrete due ciambelle, si conserva benissimo anche per una settimana, basta tenerla in un sacchetto, tipo quelli per il freezer, ben chiuso…ma non penso ci arrivi, alla settimana dico, finirà prima, ne sono sicura.

INGREDIENTI:

farina 00, 500 g

zucchero, 200 g

2 uova medie + 1 sbattuto per spennellare

3 gocce di aroma all’arancia o all’anice

strutto (o burro) fuso, 95 g

un bicchiere di latte intero o parzialmente scremato

una bustina di lievito per dolci

granella di zucchero per guarnire

PREPARAZIONE: in una ciotola capiente mettete farina, zucchero, uova e aroma, date una prima mescolata con un cucchiaio di legno (potete anche usare la planetaria con gancio K), aggiungete lo strutto e metà del latte, mescolate e infine unite il lievito ed il latte rimanente; otterrete un impasto simile alla ciambella classica, leggermente più sodo.

Scaldate il forno a 180 gradi.

Foderate la leccarda con carta forno e con l’impasto formate direttamente su di essa le ciambelle; mettete l’impasto a cucchiaiate sulla teglia, metà da una parte metà dall’altra; ad ognuna delle parti di impasto darete, sempre aiutandovi col cucchiaio, la suddetta forma ovalizzante, in questo modo:

Ora, ognuna delle ciambella dovrà essere pennellata benissimo con l’uovo sbattuto e guarnita con la granella di zucchero.

Infornate per 20 minuti. Lasciate raffreddare e poi, beh, buona colazione! (ma anche merenda, dessert, spuntino di mezzanotte…)


Biscottini intrecci

Ma che freddo fa?? Vabbè dai, non tutto il male (si, perché il freddo per me è malemalissimo) vien per nuocere…

Freddo = posso tranquillamente accendere il forno.

Oltretutto, se non strettamente necessario, io fuori dalla porta non metto manco un’unghia ^_^ quindi, quale modo migliore di passare il tempo in casa cucinando? E in particolare producendo questi fantastici biscottini? Semplici, buonissimi, ideali a colazione o a merenda, con queste dosi ne vengono circa una cinquantina.

INGREDIENTI:

farina 00, 500 g

zucchero, 175 g

mezza bustina di lievito per dolci

una bustina di vanillina o una fialetta di aroma alla vaniglia

2 uova

burro freddo, 100 g

latte,70 g

cacao amaro, 15 g

PREPARAZIONE: premessa: l’impasto si può fare sia a mano che con la planetaria, ma tanto alla fine pure se userete quest’ultima, dovrete impastare un pochino con le mani, non la scampate insomma! Muahahah

In planetaria o in una terrina capiente mixate farina, zucchero, lievito e vanillina, unitevi le uova, riamalgamate e infine unite il burro a tocchetti e il latte. Impastate benissimo e, se state usando la planetaria, quando vedete che l’impasto comincia a compattarsi, toglietelo dalla ciotola e lavoratelo a mano. Dovrete avere una bella pasta liscia e soda; dividetela in due parti uguali. Una di esse dovrà essere impastata assieme al cacao precedentemente diluito con un goccio di latte o acqua, in modo che la pasta non diventi dura come l’acciaio inox 18/10. Ora avrete impasto bianco e impasto nero. Con ognuno di essi dovrete formare dei rotoli, dallo spessore di circa un dito ( da non intendersi dito stile shrek, ma un pochino più sottile). Intrecciate i due rotoli formandone uno unico e tagliatelo in pezzetti da circa 4 cm. Foderate la placca del forno con l’apposita carta, ponetevi i biscotti distanziati tra loro. Scaldate il forno (170 gradi ventilato 180 statico) e cuocete per 20 minuti. Sfornate e fate raffreddare benissimo, so che sarete tentati ad assaggiarli subito ma, fidatevi, onde evitare ustioni, meglio aspettare.

 


Ravioli dolci con ricotta e cioccolato…al forno!

Ma come? Cioè prima questa manca per mesi poi addirittura due ricette nel giro di due giorni? Beh…si. ahaha 😉

Chi l’ha detto che durante il periodo di carnevale i dolci devono essere rigorosamente fritti? Per quanto mi riguarda adoro mangiare cibi fritti, ma farlo proprio no, solo in casi di estrema necessità, ovvero quando il fidanzato lo reclama a gran voce con tanto di protesta e cartelloni in giro per casa… 😉

Ravioli dolci, al forno, ripieni di ricotta e gocce di cioccolato.

Con queste dosi ne vengono circa 25-26 .

Potete scegliere se fare l’impasto con la planetaria oppure a mano.

INGREDIENTI:

farina 00, 450 g

zucchero di canna, 100 g

burro ammorbidito, 50 g

2 uova

un vasetto di yogurt al naturale

un cucchiaino raso di lievito per dolci

PER LA FARCIA:

ricotta, 200 g

zucchero a velo vanigliato (o zucchero a velo normale + una bustina di vanillina), 2 cucchiai

gocce di cioccolato, 70 g

PREPARAZIONE: in planetaria (o in una ciotola abbastanza grande), sgusciare le uova, unire lo zucchero e cominciare a mescolare (se usate la planetaria con gancio K oppure a mano con una forchetta). Unire lo yogurt, il burro a pezzetti e continuare a mescolare. Aggiungere lievito e farina, mescolare poi trasferire il composto su un piano infarinato; lavorare a mano per un minuto, aggiungendo farina se necessario; dovrete ottenere una pasta liscia e soda che non si attacchi alle mani. Coprire con della pellicola e porre in frigo 30 minuti.

Per il ripieno: in una ciotola versare tutti gli ingredienti e mescolare con un cucchiaio.

Riprendere la pasta e stenderla col mattarello su un piano infarinato in una sfoglia non troppo spessa. Ricavare col coppapasta tanti dischi (diametro 9 cm), al centro di ognuno porre un cucchiaino abbondante di ripieno. Bagnare i bordi di ogni disco con poca acqua e chiuderli a mezzaluna, schiacciare poi il bordo coi rebbi della forchetta. Reimpastare l’eccedente e ripetere le stesse operazioni.

Sistemare i ravioli su teglia foderata con carta forno. Cuocere in forno caldo ventilato a 180 gradi ( statico 190 gradi) per 20 minuti.

Lasciare almeno intiepidire e spolverizzare con zucchero a velo.


Ciambella al limone…senza bilancia!

Si fa in 5 minuti, non c’è bisogno di una bilancia ma solo di un cucchiaio.. et voilà, una ciambella morbidisssssima e buonissima!!! Ideale per la colazione, ma adatta ad ogni occasione…

Ingredienti per uno stampo da ciambella di 23 cm di diametro:

3 uova

un pizzico di sale

12 cucchiai di zucchero

10 cucchiai d’olio di semi (girasole o arachidi)

10 cucchiai di latte

6 cucchiai di succo di limone

16 cucchiai di farina 00

1 bustina di lievito per dolci

Preparazione: in una ciotola sbattete le uova e il sale con una frusta elettrica, aggiungete gli altri ingredienti nell’ordine indicato, mescolando ad ogni aggiunta.

Scaldate il forno a 180 gradi.

Ungete uno stampo da ciambella, versatevi il composto e infornare per 40 minuti. Sfornare e lasciar raffreddare poi togliere dallo stampo.

A piacere spolverizzare con zucchero a velo.


Chiffon cake al caffè con crema al cocco e ricotta

Buondì, e con la ricetta che vi propongo non potrebbe essere altrimenti…

Cosa c’è di meglio di una sofficissima, altissima e buonissima chiffon cake che ci attende a colazione? Beh, credo il fatto che, oltretutto, è al caffè 😉

Le dosi sono per 8 persone ma potete ridurle o aumentarle in proporzione, per la sua realizzazione è necessario lo stampo apposito da chiffon cake, in questo caso da 26-28 cm di diametro.

INGREDIENTI:

zucchero, 300 g

farina 00, 235 g

6 uova

acqua e caffè (metà e metà del totale), 160 g

olio di semi (meglio se di girasole), 120 g

un cucchiaino di bicarbonato

una bustina di lievito per dolci

una bustina di vanillina o un cucchiaino di aroma alla vaniglia

un pizzico di sale

PER LA CREMA:

ricotta, 250 g

miele (acacia o millefiori), 2 cucchiai

farina di cocco, 20 g

PREPARAZIONE: separate tuorli e albumi in due ciotole grandi.

Montate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema. Aggiungete acqua, caffè, olio, vanillina e mescolate sempre con la frusta.

Nell’altra ciotola montate a neve ferma gli albumi con un pizzico di sale, quindi incorporateli delicatamente e poco per volta al composto coi tuorli, mescolando dal basso verso l’alto con una spatola o un cucchiaio di legno.

A parte mescolate farina, bicarbonato e lievito, uniteli poi al composto “liquido” passandoli da un setaccio e poco alla volta, mescolando.

Prendete lo stampo, ungetelo e versatevi il composto. Cuocete in forno caldo e statico a 165 gradi 55 minuti, poi a 175 gradi per 10 minuti.

Sfornate, capovolgete su una gratella e lasciate raffreddare in questa posizione per almeno 5 ore. Il dolce si staccherà da solo.

Mentre la torta cuoce preparate la crema: in una ciotola mescolate con una frusta tutti gli ingredienti e ponete in frigo coperta con pellicola fino al momento di usarla per decorare. Io l’ho messa in una sac a poche con beccuccio a stella e ho realizzato tanti ciuffetti sulla superficie del dolce, ma spazio alla fantasia! 🙂


Danubio al latte di riso con crema al pistacchio

Ehi, oggi è spuntato il sole!!… e infatti io mi son mezza raffreddata causa sbalzi continui di temperatura -.- che ci devo fare, sono molto sensibile 🙂

Una dell mie passioni, come già detto all’infinito, sono i lievitati, oggi vi propongo la ricetta del sofficiosissimo e buonissimo danubio; io lo preparo con latte di riso al posto di quello vaccino e lo farcisco con della squisita crema al pistacchio…risultato?? Una vera goduria! Chevvelodicoafà?? 😉 Ottimo per la colazione ma anche a merenda!

Ingredienti per uno stampo tondo di 26 cm di diametro:

farina manitoba, 530 g

latte di riso, 250 ml

olio di semi di girasole, 50 ml

zucchero, 60 g

un pizzico di sale

lievito di birra fresco, 25 g

un uovo

crema al pistacchio, circa 100 g

Preparazione: in una ciotolina fate sciogliere il lievito e lo zucchero nel latte , il quale dev’essere a temperatura ambiente. In un’ampia ciotola versate la farina e il sale, miscelate poi man mano unite tutti gli altri ingredienti, impastate e terminate con la miscela di latte e lievito. Trasferite sul piano di lavoro leggermente infarinato e impastate di nuovo per almeno 5 minuti, ottenendo una pasta bella liscia e che non appiccichi. Infarinate la ciotola, ponetevi di nuovo la pasta, coprite con un panno e lasciate lievitare per almeno due ore. Trascorso questo tempo riprendete la pasta e dividetela in 15 parti; con ognuna di esse formate una pallina, fatevi un incavo al centro, ponetevi un cucchiaino di crema al pistacchio e richiudete, ponete poi le palline nello stampo imburrato. Terminato di sistemare le palline lasciate lievitare coperto ancora un’ora. Scaldate il forno a 160 gradi e infornate per 30 minuti. Sfornate, fate raffreddare poi togliete dallo stampo. Spolverizzate a piacere con dello zucchero a velo.

DSC01432[1]

 

DSC01440[1]

DSC01437[1]

Con questa ricetta partecipo al CONTEST SUI LIEVITATI di Alice!!

contest sui lievitati []